mercoledì 29 ottobre 2008

calendula


Amo questa umile ma allegra e generosa pianta, è la calendula e la mitologia greca vuole che sia nata dalle lacrime della dea Afrodite per la morte del suo giovane amante Adone, per questo nel vocabolario ottocentesco del significato dei fiori a lei si attribuivano simboli tristi. Tutt'altro che triste, a me ispira allegria e le sue proprietà sono le più disparate, dall'uso medicamentoso in varie creme e tinture, provate a mettere qualche foglia sopra ad una scottatura, all'uso decorativo e culinario. Se la piantate in un angolino soleggiato del giardino o dell'orto per anni vi regalerà splendide fioriture che vanno dalla primavera all'autunno inoltrato, è una pianta che si trova spesso in vecchi giardini e orti, in quelli dell Alto Adige e del Tirolo non manca mai, ma anche in quelli delle vecchie case delle nostre campagne è una presenza fedele. Questa pianta è molto interessante in cucina le sue tenere foglie sono ottime mescolate alle insalate di primavera e i fiori usati nei risotti li tingono al pari dello zafferano donando un gusto molto particolare, se infine volete essicare qualche fiore lo potrete mescolare ad un pout pourri casalingo per vivacizzare la miscela.
Posted by Picasa

6 commenti:

marypoppins ha detto...

la calendula ci regala proprietà medicamentose ed è un fiore allegro e colorato!
ravviva il giardino!
a presto
Mary

Viola ha detto...

Mai provata nel risotto.....grazie per la dritta,mi piacerebbe provare......ma secchi o freschi i fiori?
Buona serata.

*Maristella* ha detto...

Bonjour Marina...che bella cicciona questa pianta...dev'essere felice, è così bella e curata!!! Un abbraccio, *Maristella*.

Cristina ha detto...

Ti ringrazio per avermi fatto conoscere meglio questa pianta. Ho deciso che la pianterò nel mio orto.
Cris

Effeti ha detto...

Non sapevo che si potesse usare anche in cucina,ne conoscevo invece gli usi medicamentosi,provati con successo per le scottature.
Ciao.
Fulvia

laniki ha detto...

questo fiore ha proprio i colori di Halloween non trovate? invece della solita zucca non sarebbe male decorarci la tavola e insaporirne il risotto a questo punto da mettere in tavola!
Laura